• Ingresso delle truppe alleate a Città di Castello, 22 luglio 1944
  • Primo raduno degli ex perseguitati politici della provincia di Perugia (1945). Fra gli ospiti, il terzo da sinistra nella fila in alto è l'avv. Mario Berlinguer, padre di Enrico, ex deputato aventiniano allora fra i massimi responsabili dell'Alto commissa
  • Partigiani della “S. Faustino Proletaria d'urto” in marcia
  • Partigiani jugoslavi della “Gramsci” a Norcia nel giugno 1944
  • 11.	Comando del battaglione “Tito” della brigata “Gramsci”. Al centro Svetozar Laković “Toso”
  • Partigiani della “S. Faustino Proletaria d'urto”

Gatti Egildo (Gildo, "Tenente Gildo")

Commerciante. Antifascista. Nasce a Terni il 16 maggio 1916. Durante gli anni Trenta partecipa a varie corse motociclistiche, riuscendo a vincerne diverse sia nel territorio umbro che in quello abruzzese. Interrompe le gare quando viene chiamato alle armi per partecipare alla campagna d'Albania nel 1939, dove combatte come ufficiale dei carristi. Ritornato in Italia, dopo l'armistizio si unisce alla Resistenza e risulta attivo nel perugino.
Qui entra in contatto con Alfio Marchini “Luca” e collabora alla nascita della brigata “Risorgimento”, costituita il 4 marzo 1944, della quale diventa il vice-comandante militare e coordina le azioni delle bande di Paciano, Panicale e Sanfatucchio-Macchie. Organizza varie azioni di sabotaggio ai danni dei convogli tedeschi e favorisce l'avanzata degli alleati sul suolo umbro, insieme ai quali combatte nella battaglia tenutasi sulla linea Piegaro-Tavernelle-Città della Pieve. Pianifica in seguito la liberazione di internati politici ed ebrei tenuti prigionieri sull'Isola Maggiore del lago Trasimeno nel giugno 1944. Dopo la Liberazione, ritorna alle corse e si dedica al commercio di motociclette.
Muore a Terni il 29 giugno 1978.


Benito Totino


Fonti e bibl.: Associazione Nazionale Partigiani d'Italia (Anpi), sez. Donne e Uomini della Resistenza, ad nomen, http://www.anpi.it/donne-e-uomini/2202/egildo-gatti; S. Bellezza, Egidio Gatti, campione di moto e partigiano, “Corriere dell'Umbria” del 22/02/2016




  • Marchini Alfio Nasce a Moiano (Città della Pieve, Pg) il 6 settembre 1912. Imprenditore edile. Comunista. Tra i fondatori della brigata "Risorgimento", organizza la stampa e la diffusione clandestina del giornale "l'Unità". Muore a Roma il 23 ottobre 1988. LEGGI DI PIU' »
bk
organizzazioni
formazione
luogo
orientamento