• Ingresso delle truppe alleate a Città di Castello, 22 luglio 1944
  • Primo raduno degli ex perseguitati politici della provincia di Perugia (1945). Fra gli ospiti, il terzo da sinistra nella fila in alto è l'avv. Mario Berlinguer, padre di Enrico, ex deputato aventiniano allora fra i massimi responsabili dell'Alto commissa
  • Partigiani della “S. Faustino Proletaria d'urto” in marcia
  • Partigiani jugoslavi della “Gramsci” a Norcia nel giugno 1944
  • 11.	Comando del battaglione “Tito” della brigata “Gramsci”. Al centro Svetozar Laković “Toso”
  • Partigiani della “S. Faustino Proletaria d'urto”

Baldacci Orlando

Nasce a Pietralunga (Pg) il 20 novembre 1896. Bracciante. Comunista. Nel 1914 emigra in Francia, presumibilmente a Nizza, insieme al padre, rimpatriando l'anno successivo per compiere il servizio militare. Congedato nel maggio 1921, va a lavorare come cameriere in un albergo a Roma. Fermato nel gennaio 1928 per misure di pubblica Sicurezza, contravviene al foglio di via obbligatorio ed è condannato, contumace, a un mese di reclusione. Nel maggio 1930, per ragioni di lavoro e con passaporto valido per tre mesi, emigra nuovamente a Nizza dove già risiedono quattro fratelli. Da Nizza egli si reca spesso presso la madre che risiede ad Ajaccio, in Corsica, dove frequenta i locali della sezione comunista. Recatosi in Spagna in data imprecisata, combatte nel 4° Battaglione della Brigata Garibaldi ed è ferito sull'Ebro. Nel giugno 1939, segnalato per aver appartenuto alle milizie rosse spagnole, è iscritto in Rubrica di frontiera (Rf) quale comunista, da perquisire e segnalare. Nel novembre dello stesso anno è rintracciato a Nizza, dove risulta iscritto alla sezione dell'Unione popolare italia (Upi). Nel giugno 1940, munito di foglio di via rilasciato dal consolato di Nizza, rientra in Italia, a Pietralunga, dove viene sottoposto a vigilanza. Come riportato da un trafiletto del quotidiano «La Nazione» del 7 ottobre 1941, muore presso l'ospedale di Gubbio a seguito delle ferite riportate in un incidente sul lavoro.


Luciana Brunelli, Gianfranco Canali


Fonti e bibl.: Asp, Questura, Schedati, b. 4, fasc. 2; Aicvas, Scheda biografica.



bk
organizzazioni
formazione
luogo
orientamento